Trentino
     

Consolidamento e adeguamento sismico: la risposta di HD System

PROBLEMA

In Italia il patrimonio storico architettonico è prevalentemente costituito da costruzioni in muratura, non solo per gli edifici in interesse monumentale, ma anche per l’edilizia civile dei piccoli e medi centri urbani.
I recenti eventi sismici che hanno colpito il territorio Nazionale evidenziano che queste costruzioni risultano nella maggior parte dei casi inadeguate e richiedono di interventi di consolidamento e tutela mirata.
Tra le principali cause che contribuiscono al deterioramento delle costruzioni in muratura possiamo sicuramente riportare:

  • L’eccesso di vuoti all’interno delle murature e la presenza di malte inconsistenti, che vanno a ridurre direttamente la portanza della stessa.
  • Irregolarità delle murature, sia in tessitura che in geometria, con la presenza di diatoni molto rara nelle murature di edifici comuni.
  • Deboli connessioni trasversali dei paramenti delle costruzioni, che portano allo sviluppo di meccanismi di collasso “locale” con gravi danni all’edificio.
  • Deperimento dei materiali da costruzione e la presenza di materiali inadeguati, utilizzati in ristrutturazioni o restauri, come nel caso dei materiali a base cementizia.

Questo ultimo punto riguarda i materiali contenenti cemento Portland, che risultano comportarsi in modo reattivo con gli inquinanti che, inevitabilmente, si trovano nelle murature storiche, innescando la formazione di fenomeni espansivi (solfatazioni) che danno origine rapidamente a fenomeni di degrado fisico, vanificando in breve tempo l’intervento eseguito.
I materiali contenenti Cemento Portland hanno quindi dei grossi limiti temporali e per questo non in linea con il concetto di durabilità che dovrebbe essere previsto negli interventi di restauro e ristrutturazione.



INTERVENTI RICHIESTI

L’adeguamento delle strutture esistenti a nuovi parametri di resistenza richiede l’esecuzione di interventi di consolidamento e rinforzo strutturale che devono essere eseguiti sulle murature nel rispetto dell’identità costruttiva e storica dell’edificio.
Gli interventi più comunemente realizzati prevedono: la sostituzione degli elementi degradati, iniezione di miscele fluide all’interno dei paramenti murari, la realizzazione di intonaci (Betoncini) armati, la stilatura dei giunti di malta degradata, l’applicazione di tiranti trasversali, la realizzazione di rinforzi compositi (FRP).
I requisiti richiesti per gli interventi di consolidamento e rinforzo strutturale, al fine di rendere l’intervento di restauro compatibile con la durata nel tempo del manufatto, sono:

  • Ripristino delle condizioni di sicurezza
  • Miglioramento delle caratteristiche meccaniche
  • Compatibilità meccanico-strutturale e chimico-fisica
  • Inerzia Chimica
  • Reversibilità

Particolare attenzione deve essere posta nella scelta dei materiali utilizzati, oltre che delle tecniche impiegate, al fine di confermare l’idoneità ai requisiti sopra riportati oltre a garantire performance prestazionali elevate, in particolar modo alla compatibilità meccanico-strutturale e chimico-fisica che questi devono avere con il supporto sui cui sono applicati.


VANTAGGI DELLE SOLUZIONI HD System

Grazie alla collaborazione con i maggiori esponenti Nazionali di ricerca e attraverso le sperimentazioni sviluppate dal proprio laboratorio di R&S, HD System è in grado di proporre all’interno della propria offerta tecnica, malte di calce idraulica naturale NHL 5 ad elevate prestazioni, totalmente esenti da Cemento Portland.
HD System grazie al proprio legante B FLUID X/A di calce idraulica naturale NHL 5 e grazie agli inerti dolomitici (Dolomia) che sviluppano una resistenza meccanica il 30% superiore ai normali inerti calcarei utilizzati, ha realizzato malte tecniche a diversa granulometria con caratteristica di resistenza meccanica a compressione superiore a 15 N/mm2 e per questo classificate secondo UNI EN 1015 -11 - M15.
Inoltre le ricerche condotte dallo staff tecnico e dai laboratori di R&S HD System, hanno sviluppato materiali in grado di garantire la massima compatibilità nell’uso di sistemi compositi, con i molteplici materiali utilizzati: fibre di vetro, fibre di carbonio, tessuti in acciaio, acciaio inox o basalto, ecc.



ES. CICLO CONSIGLIATO

Consolidamento per iniezione di muratura a due paramenti

1- Si consiglia l’asportazione dell’intonaco al fine di poter valutare l’integrità della tessitura muraria, nel caso sia possibile farlo, e successiva stilatura delle malte di allettamento con TD13R in modo da contenere il successivo prodotto iniettato.
2- esecuzione dei fori nella muratura, da eseguirsi per 2/3 dello spessore della muratura ed inclinati verso il basso.
I fori dovranno essere eseguiti per un minimo di 2 fori/m2, in linee sfalsate in modo da garantire il massimo riempimento possibile dei vuoti presenti all’interno della muratura.
Rimuovere i residui di polvere della perforazione attraverso aspirazione o soffiatura dei fori.
3- Successivamente si procede con l’applicazione della miscela per iniezioni B FLUID X/B di calce idraulica naturale NHL 5 totalmente priva di Cemento Portland.
Si consiglia di procedere all’esecuzione delle iniezioni dal basso verso l’alto e dai lati della muratura verso il centro e con pressioni di circa 1,5 – 2 atm, al fine di evitare possibili sacche d’aria interne ai vuoti della muratura.
La miscela B FLUID X/B di calce idraulica naturale NHL 5 (B FLUID X/A) permette di riprodurre dal punto di vista mineralogico le caratteristiche delle malte di allettamento originarie a base di leganti idraulici ottenute dalla cottura a basse temperature.
B FLUID X/B rispetta i requisiti richiesti in termini:

  • Reologici- Penetrazione e diffusione, assenza di segregazione, minima essudazione
  • Chimici- stabilità chimica nel tempo, resistenza ai solfati, limitazione del tenore di alcali
  • Fisici- presa e indurimento, stabilità volumetrica, limitazione di ritiro
  • Meccanici- resistenza e rigidezza
  • Termici- basso calore di idratazione

4- Chiusura dei fori con apposita malta utilizzata per la stilatura dei materiali TD13R

Scopri le nostre tipologie di intervento
Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Richiedi una consulenza
Compila il form ed inviaci la tua richiesta.


unchecked checked