Trentino
     

Il restauro di facciate storiche e altri usi delle finiture di pregio

PROBLEMA

Gli intonaci a protezione dei paramenti murari sono superfici porose oggetto di degrado nel tempo e per questo necessitano a loro volta di protezione, che viene conferita attraverso la finitura finale.
Il mondo delle finiture offre svariate soluzioni e materiali di ogni genere, in grado di raggiungere svariate colorazioni e performance elevate con bassi spessori e cicli di applicazione molto brevi.
Spesso l’uso di tecniche moderne per la protezione degli intonaci su edifici storici si rivelano inappropriate e deleterie, in quanto non compatibili con le caratteristiche fisiche della stratigrafia sottostante e quindi non idonee alle alterazioni a cui sono sottoposte.
Una valutazione attenta delle finiture deve essere fatta anche nella progettazione degli ambienti interni, dove le caratteristiche di traspirabilità al vapore e l’uso di materiali biocompatibili, incidono enormemente nella gestione igrometrica dell’ambiente e della sua salubrità interna.




INTERVENTI RICHIESTI

Negli edifici di interesse storico dove sono eseguiti dei restauri conservativi, le finiture devono essere in grado di mantenere la caratteristica di storicità dell’edificio, sia come effetto estetico sia come mix colore, e al contempo devono risultare compatibili alle condizioni al contorno che influenzano il degrado.
La Superficie protettiva finale deve garantire lo svolgimento delle seguenti funzioni:

  • Protezione degli intonaci contro il l’aggressione degli agenti degradanti
  • Adesione indissolubile al supporto
  • Protezione dall’acqua per gli intonaci esterni
  • Mantenimento della permeabilità ai vapori
  • Inalterabilità nel tempo

I materiali che rispondono meglio alle caratteristiche sopra riportate, compatibili con il carattere storico degli edifici su cui si interviene e in grado di conferire un valore di pregio negli interventi di ristrutturazione, sono le finiture minerali.
Queste infatti vengono utilizzate con diverse tecniche applicative, a seconda del contesto in cui sono inserite, valorizzando il carattere artigianale della loro lavorazione e rendendo il risultato finale unico.


 

VANTAGGI DELLE SOLUZIONI HD System

HD System realizza finiture minerali di calce idraulica naturale B FLUID X/A con varie granulometrie in modo da rispondere alle diverse esigenze del progettista e del cantiere su cui si interviene.
Il legante utilizzato B FLUID X/A permette di ottenere una elevata compatibilità con i supporti sottostanti e con le loro caratteristiche fisiche di permeabilità a vapore, oltre ad un elevata resistenza agli inquinanti esterni, tali da rendere le finiture HD System ideali sia per l’uso in interno che in esterno agli edifici.
Le finiture HD System sono disponibili in diverse colorazioni, nel pieno rispetto degli effetti cromatici del passato, ottenute con l’uso di terre e pigmenti naturali senza l’uso di materiali organici al loro interno.
Inoltre i laboratori di R&S sono in grado di effettuare studi cromatici specifici su campionature prelevate in cantiere per poter riprodurre in modo fedele la colorazione originale del supporto oggetto di studio.



ES. CICLO CONSIGLIATO

Finitura Civile Esterna.
1-  Rimozione dalla superficie della muratura di eventuali residui inconsistenti, polvere, sali e materiale biologico, tramite spazzolatura o lavaggio a pressione controllata.
2- Applicazione su superficie pulita ed asciutta del rasante TD13P1 o TD13P2 al fine di omogenizzare la superficie e il suo assorbimento, in modo da evitare successivamente difetti cromatici o alonature dovute ad un diverso assorbimento da parte del supporto.
3- Applicazione dello strato di finitura con TD13FS in unica mano, per uno spessore di 1 mm. TD13FS è una finitura minerale idrofobizzata di calce idraulica naturale NHL 5 B FLUIDX/A, ed inerti selezionati in granulometria massima di 0,8 mm.
TD13FS sviluppa un elevata resistenza agli agenti atmosferici esterni, in più il suo basso indice di assorbimento per capillarità protegge i materiali sottostanti dal dilavamento delle acque meteoriche e delle piogge acide.
TD13FS può essere applicato mediante spatola metallica e rifinito con frattazzo di plastica, spugna, panno o altro strumento in relazione all’effetto estetico desiderato, il legante B FLUID X/A che lo costituisce riduce al minimo i fenomeni di ritiro e cavillature dello strato di finitura.
TD13FS può essere preparato a campione in diverse colorazioni naturali, in base alle esigenze di progettazione richieste.

Scopri le nostre tipologie di intervento
Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Richiedi una consulenza
Compila il form ed inviaci la tua richiesta.


unchecked checked